Home > costume, Italia, mondo > A Chinatown, dietro l’angolo

A Chinatown, dietro l’angolo

venerdì 13 aprile 2007

proteste cinesi a Milano (12-04-2007)Poiché la storiografia richiede di individuare delle date-simbolo che segnino convenzionalmente l’imporsi di fenomeni di lunga durata, con la giornata di ieri anche l’Italia è ufficialmente alle prese col problema della coesistenza di diverse etnie: per la prima volta, forse, si è verificata una protesta di immigrati regolari, appoggiata ai massimi livelli dalle istituzioni dei paesi d’origine (nella foto, col megafono, il console generale cinese a Milano).

Annunci
Categorie:costume, Italia, mondo
  1. venerdì 13 aprile 2007 alle 11:33

    Imparassero a convivere con le leggi italiane….

  2. venerdì 13 aprile 2007 alle 11:41

    Insomma, per te il problema va affrontato solo a livello di ordine pubblico? Non mi persuade…

  3. venerdì 13 aprile 2007 alle 12:13

    Per troppo tempo si è dormito ed è stato fatto passare tutto.
    Nelle grandi città interi quartieri sono stati “comprati” dalla mala cinese che apre centinaia di negozi utili solo per riciclare un pò di denaro sporco.
    non basta l’ospitalità e la tolleranza..ora si permettono anche di manifestare contro dei vigili urbani la cui colpa è stata quella di fare una multa ad una loro connazionale?
    se il problema fossero le multe Giovanni avrebbe già promosso una sommossa popolare..vero juan?:))

  4. venerdì 13 aprile 2007 alle 12:50

    …non credo che sia tutto scaturito da una multa, o da più multe, ma da una situazione complessiva che, per queste persone, diventa insostenibile.
    Giuseppe il discorso che hai appena fatto penso di poterlo ritrovare in qualcunque quotidiano americano degli anni ’30, solo che invece di cinesi erano gli italiani quelli “indicati”.

  5. venerdì 13 aprile 2007 alle 14:22

    Francè ma che cosa insostenibile?Ma tu hai visto le immagini di roma e Milano? Hai visto le condizione di vivibilità di questi quartieri?I tempi sono cambiati..in america gli italiani non compravano 3 locali di una cittadina di 25.000 abitanti per aprirci 3 negozi di abbigliamento perennemente vuoti…
    Sveglia per cortesia…

  1. venerdì 13 aprile 2007 alle 15:14
  2. venerdì 13 aprile 2007 alle 15:46
  3. sabato 14 aprile 2007 alle 7:19
I commenti sono chiusi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: