Home > Italia, politica, storia > Il Burattinaio

Il Burattinaio

sabato 1 novembre 2008

«Ho una vecchiaia serena. Tutte le mattine parlo con le voci della mia coscienza, ed è un dialogo che mi quieta. Guardo il Paese, leggo i giornali e penso: ecco qua che tutto si realizza poco a poco, pezzo a pezzo. Forse sì, dovrei avere i diritti d’autore. La giustizia, la tv, l’ordine pubblico. Ho scritto tutto trent’anni fa».

Con queste parole il 23 settembre 2003 si apriva l’intervista di Concita Di Gregorio a Licio Gelli, per uno strano scherzo del caso pubblicata su La Repubblica proprio il giorno in cui tutta l’Italia si svegliava vittima del blackout.

La storia del Venerabile Maestro della Loggia massonica P2, dalle esperienze lunghe mezzo secolo al fianco dei dittatori in Europa e Sudamerica, ai reiterati sospetti di coinvolgimento personale nei peggiori eventi della storia italiana del dopoguerra, sino alla guida dell’associazione segreta infiltrata in tutti i principali luoghi del potere (politico, militare, economico, dell’informazione), e alla condanna per depistaggio nella strage di Bologna, è materia che non può essere riassunta adeguatamente in poche righe.

Tre sole pagine, invece, furono sufficienti a Gelli per delineare il suo Piano di Rinascita Democratica, una via di mezzo tra un memorandum e un manifesto politico che fissava il percorso di riforme per una svolta autoritaria in Italia. E’ a quel piano che Gelli fa riferimento quando invoca il suo diritto d’autore per quello che accade in Italia in questi ultimi anni.

Non mi dilungherò ad analizzare le singole misure prescritte dal documento di Gelli, e a verificare che – per uno strano scherzo del caso – esse somigliano a programmi o riforme già attuate in questi anni da governi in qualche modo contigui all’esperienza della P2. Ritengo più interessante interrogarsi sulle ragioni per cui l’ex Venerabile, a 89 anni, ha deciso di rilasciare proprio adesso delle interviste che andranno a costituire un programma televisivo in più puntate sulla storia d’Italia. Il polverone mediatico, e le molte dichiarazioni allarmate (da parte della sola opposizione: chissà perché, oggi Cicchitto tace) hanno infatti dato nuova linfa al dibattito attorno alla non specchiata natura democratica di questo governo. Gelli, che  agì sempre in funzione anticomunista, si è convertito alle ragioni della sinistra ed elogia Berlusconi perché vuole indebolirlo? O intende, viceversa, agitare lo straccio allo scopo di accrescere la contrapposizione nel Paese e radicalizzare gli animi, come fa un qualunque agente provocatore?

Nella foto in alto, Licio Gelli ai tempi della P2. La foto in basso, invece, è stata messa qui per uno strano scherzo del caso.

Annunci
  1. posturanismo
    sabato 1 novembre 2008 alle 11:55

    Non c’è alcun perchè sul silenzio di Cicchitto poichè questi è iscritto alla P2 (lo sostiene anche Wikipedia nella sua lista iscritti). Se un fascista, un repubblichino come Gelli sostiene che tutto si sta realizzando secondo i “piani” e se i berluscones sono fieri di sapere che lo stesso Silvio è iscritto alla P2, allora possibile che se si parla di ritorno al fascismo dobbiamo essere definiti “macchiette”?
    Vorrei sapere cosa ne pensano gli amici di centrodestra molese a proposito di queste dichiarazioni e del silenzio della maggioranza.
    Mi piacerebbe sentire una condanna unanime verso quei fascisti armati di spranghe (sul mio blog c’è il video tratto dal corriere.it in cui si testimonia come il ragazzo con la maglia blu dell’adidas, nella foto a sinistra, sia in realtà un infiltrato della polizia ed è stupefacente vederlo con la spranga tricolore gridare DIO, PATRIA E FAMIGLIA e vittimeggiare sulla risposta che i movimenti hanno sonoramente inflitto dopo averli visti armati di spranghe e catene).

    Personalmente sono sempre stato contrario alla violenza, avrei preferito un terreno di confronto sugli argomenti, ma è difficile far ragionare con chi segue il motto “nel dubbio, mena” ed è difficile farlo quando ti si parano di fronte armati di tutto punto. Mi dispiace per i bar di piazza navona, ma quelle sedie addosso sono state strameritate e rappresentano un segnale molto forte: restate nelle fogne perchè la guardia è ancora alta!

  2. sabato 1 novembre 2008 alle 12:09

    che licio gelli “torni” quando il progetto della P2 è “finalmente” trionfato…. nn mi stupisce più di tanto

  3. sabato 1 novembre 2008 alle 13:02

    “Non c’è alcun perchè sul silenzio di Cicchitto poichè questi è iscritto alla P2 (lo sostiene anche Wikipedia nella sua lista iscritti). Se un fascista, un repubblichino come Gelli sostiene che tutto si sta realizzando secondo i “piani” e se i berluscones sono fieri di sapere che lo stesso Silvio è iscritto alla P2, allora possibile che se si parla di ritorno al fascismo dobbiamo essere definiti “macchiette”?”

    Da quando Berlusconi sta al Governo non manca occasione che voi di sinistra parlate solo di ritorno del fascismo. Permettetimi di dire che non sapete scindere fenomeni diversi. Gelli da giovane è stato fascista come lo sono stati in tantissimi, ma la sua vita è stata una contraopposizione al fascismo creando un’entità che si prestava a governare l’Italia nel silenzio. Non c’è un missino in quella lista. Tra gli atti costitutivi di An si vietava l’iscrizione ad appartenenti a loggie e quant’altro.
    Quindi Nico, non c’è alcun ritorno al Fascismo Storico, Gelli ha rappresentato e rappresenta un fenomeno diverso nella nostra Italia. Magari altrettanto pericoloso. Ma non è fascismo.

    Per quanto riguarda ipotetiche condanne che dovrebbero esprimere gli amici (agli amici non si chiedono condanne se si pensa di conoscerli bene e se si definiscono tali) del centrodestra molse, noto con insoddisfazione che continua il vizio di chiederci condanne, come se la nostra moralità debba essere provata ogni volta che avvenga un grave avvenimento. Dire che sono stufo a ciò è dir poco. Cmq, il giudizio a riguardo è già espresso sui blog di Mancio e Domenico. E sottolineo, inoltre, che il ‘Blocco Studentesco’ rappresenta il movimento giovanile di Forza Nuova, non di Alleanza Nazionale. Non è una cosa da poco questa.

    NicolaBel, scrivi che Gelli abbia a che fare con il depistaggio delle indagini sulla strage di Bologna. Ma a riguardo cosa pensi in dettaglio?

  4. posturanismo
    sabato 1 novembre 2008 alle 13:36

    Umbè, visto che siete diversi da forza nuova, come mai anzichè condannare quegli idioti, gli esponenti di Azione Universitaria mettono comodamente sullo stesso piano i picchiatori da chi si è dovuto difendere lanciando sedie per impedire l’assalto dei fascisti? e perchè nessuno di azione universitaria sottolinea lo stranissimo comportamento della polizia?

    Quanto a Gelli, non credo che abbia un’impronta diversa dal fascismo. E’ stato repubblichino e non si è mai pentito di esserlo ed ho ragione di pensare che per “formamentis”, egli abbia una visione della società fondata sulla repressione e sull’ordine (apparente). Mi sembra che questi siano i presupposti essenziali per un nuovo fascismo con la differenza che non esiste un duce conclamato.

  5. posturanismo
    sabato 1 novembre 2008 alle 13:38

    PS: poi possiamo anche parlare di come si cucinano gli involtini primavera ma la realtà dei fatti ci è sbattuta violentemente in faccia ogni giorno. Continuare a minimizzare la situazione di una società poggiata sul filo del rasoio non mi sembra opportuno.

  6. sabato 1 novembre 2008 alle 13:38

    Che dire, condivido tutto!

  7. sabato 1 novembre 2008 alle 13:54

    “non c’è alcun ritorno al Fascismo Storico”, in compenso vuol dire che state sperimentando forme di “nuovo Fascismo”? E’ quello che dico io. Siamo d’accordo allora…

  8. sabato 1 novembre 2008 alle 14:23

    @ Umberto D, che mi chiede: “scrivi che Gelli abbia a che fare con il depistaggio delle indagini sulla strage di Bologna. Ma a riguardo cosa pensi in dettaglio?”.

    Parlare di quello che penso della strage di Bologna ci allontanerebbe dal tema del post. Preciso solo che non sono io ad attribuire a Gelli l’attività di depistaggio della strage di Bologna, ma questa è la sentenza definitiva di un tribunale della Repubblica.

  9. sabato 1 novembre 2008 alle 15:33

    NicolaBel, sono contento che non vuoi che si vada OT sul tuo blog…sul mio invece…ma non fa niente. Avremo modo di parlarne più in là.
    So benissimo che è una sentenda definitiva (alla quale ci credo senz’ombra di dubbio, perchè su quella strage la verità non è stata ancora detta), ma volevo un tuo parere visto che ne hai parlato…niente più.

    Francesco, non ho mai scritto che questo è una nuova forma di fascismo, quindi non vedo perchè devrei essere d’accordo con te. Io ad ogni fenomeno storico-politico-culturale do un nome e un cognome. Mussolini è diverso da Hitler, che è diverso da Stalin, che è diverso da Pol Pot, che è diverso da Pinochet, che è diverso da Castro. La Camorra è diversa dalla Mafia, che è diversa dai Nar, che è diversa dalle Br. Non generalizzo mai.

    Nico, premettendo che tra bastardi non faccio distinzione di razza, religione e politica, mi rifaccio a questo video:

  10. posturanismo
    sabato 1 novembre 2008 alle 15:57

    Io invece vorrei continuare a fare differenze tra chi attacca e chi cerca di difendersi.

  11. Frisbee
    sabato 1 novembre 2008 alle 17:07

    Il Piano Rinascita di Gelli ormai è alle battute finali: Berlusconi (già iscritto alla P2) lo ha attuato pezzo per pezzo. Manca ancora qualche piccolo tassello. Ma il più, purtroppo, è fatto con grande gaudio dei destrorsi di ogni risma, compresi ovviamente e massimamente quelli di AN.

  12. sabato 1 novembre 2008 alle 20:26

    Nico, ma chi ha attaccato? vedendo il video segnalato da me non è tanto chiara la cosa…tu cosa pensi guardandolo?

    Frisbee, Tolkien scriveva che “gli erranti non sono perduti”…se un giorno sarà così non avrò problemi a sfilarmi.
    Per quanto riguarda la P2 (a me piace parlare di ciò in modo serio) voglio dire solo due piccole cose a riguardo:
    1) Berlusconi è stato tesserato 2-3 prima che l’attivatà venisse scoperta. La forza della P2 era forte e viva anche senza Berlusconi (basta leggere qualcosa a riguardo circa l’ipotetico colpo di Stato di Borghese e Delle Chiaie), il quale a mio parere divenne solo un numero di quell’organizzazione. E francamente, penso che fosse stato cercato, più che abbia cercato il contatto. Ma ciò non toglie responsabilità all’accaduto.
    2) L’ipotetico piano P2 può essere pienemente realizzato solo nel caso in cui una forza politica governi tutto il paese (dai comuni al Governo centrale) e non credo che ciò possa avvenire in Italia, in quanto l’altertanza permette di frantumare proprio quei rapporti che tu denunci.
    Inoltre, un piano P2 pienemente realizzato si verificherebbe solo nel caso in cui ci fosse strettissima sintonia tra più apparati forti, ossia tra governo, magistratura, mondo industriale e anche sindacati. E non credo che ciò sia avvenuto.

  13. sabato 1 novembre 2008 alle 21:38

    …le attuali riforme elettorali vanno proprio nella direzione di impedire l’alternanza ed il pluralismo!

  14. sabato 1 novembre 2008 alle 22:17

    Per chi prende solo il 3% senz’ombra di dubbio.

  15. posturanismo
    domenica 2 novembre 2008 alle 1:24

    Umbè, io sinceramente ho ben motivo di pensare che se voglio manifestare la mia opinione non vado con delle spranghe per poi mettermi in posizione di sommossa contro un corteo. Penso che se di fronte a me vedo qualcuno con una spranga è perchè certamente ha voglia di usarla. Io, ad una manifestazione andrei soltanto con uno striscione ma se devo difendermi dalle sprangate, le mie sole mani servono a poco per difendermi no?

  16. domenica 2 novembre 2008 alle 10:40

    La questione è partita sui quotidiani di sinistra con articoli strappalacrime e piene di vittimismo…ma piano piano le cose si cominciano a scoprire.

    http://www.corriere.it/cronache/08_novembre_01/bianconi_abbiamo_sbaragliato_i_fascisti_68f69b38-a7eb-11dd-8f5c-00144f02aabc.shtml

    Ripeto: tra bastardi non faccio distinzioni di razza, religione e politica.

  17. domenica 2 novembre 2008 alle 12:28

    Il problema non è stabilire chi ha iniziato a denunciare le violenze, ma chi ha iniziato le violenze stesse (o chi ha omesso le misure in grado di evitarle).

    Per sostenere la tesi che siano state provocate dagli universitari di sinistra, hai scelto un articolo tra i tanti pubblicati questi giorni, suppongo quello in grado di avvalorarla meglio: ebbene, leggendolo non ho avuto affatto la sensazione che i fatti siano andati come dici tu.
    Viceversa, ti invito a leggere questa testimonianza confrontandone la veridicità con queste foto e queste altre, che a me dà esattamente l’idea opposta alla tua e a quella che il governo ha propalato in aula.

  18. domenica 2 novembre 2008 alle 12:55

    Tornando a Gelli, Umberto ha scritto: “Gelli da giovane è stato fascista come lo sono stati in tantissimi, ma la sua vita è stata una contraopposizione al fascismo creando un’entità che si prestava a governare l’Italia nel silenzio“.

    Allora, perché venerdì ha dichiarato: “Sono fascista e fascista morirò”?

  19. domenica 2 novembre 2008 alle 13:53

    Come dico io cosa? Quando mai ho scritto che sono stati i giovani dei centro sociali a cominciare?
    Semplicemente pernso che quelli di sinistra facciano troppo le vittime. e ripeto, tra bastardi non faccio distinzione di razze.

    Di fascismo bisogna saper parlare. Nel 99% di coloro che si professano fascisti non sanno niente del fascismo.

  20. domenica 2 novembre 2008 alle 13:58

    Ma Licio Gelli mi sembra uno che si tiene informato…

  21. domenica 2 novembre 2008 alle 14:05

    Nicola, secondo te Gelli rappresenta la dottrina fascista? Secondo te Gelli è un fascista doc? Secondo me non lo è minimamente.
    E’ non è un caso che Almirante, Romualdi, Niccolai, Tremaglia, Rauti, Cesco Giulio Baghino, non siano mai stati tesserati nella P2. All massimo erano loro che rappresentevano la continuità con il fascismo.

  22. domenica 2 novembre 2008 alle 17:57

    “E’ non è un caso che Almirante, Romualdi, Niccolai, Tremaglia, Rauti, Cesco Giulio Baghino, non siano mai stati tesserati nella P2. All massimo erano loro che rappresentevano la continuità con il fascismo.”
    …e che hanno costruito Alleanza Nazionale, vuol dire che AN rappresenta la continuità con il Fascismo?

  23. domenica 2 novembre 2008 alle 18:39

    «Per l’attuazione del Piano di Rinascita democratica della P2, oggi l’unico che può andare avanti è Berlusconi. Avevo molta fiducia in Fini perché aveva avuto un grande maestro, Giorgio Almirante: oggi non sono più dello stesso avviso, perché ha cambiato. L’unico che può andare avanti è Berlusconi, perché ha la tempra del grande uomo che ha saputo fare.»

    Licio Gelli, Il Riformista, 30 Ottobre 2008

  24. domenica 2 novembre 2008 alle 18:59
  25. domenica 2 novembre 2008 alle 20:29

    Francesco, faccio veramente fatica ad esprimermi con te, ma ci provo ancora.
    Almirante, Romualdi e Niccolai l’atto costitutivo di AN l’hanno visto da un’altra vita in quanto già morti.
    Rauti e Baghino, invece, lasciarono il partito.
    Tremaglia ha avuto, invece, un ruolo non di primo piano.
    Dopo di che, leggiti lo statuto di AN e i valori a cui si è ispirato e poi dimmi se secondo te AN rappresenta continuità con il fascismo.

  26. domenica 2 novembre 2008 alle 21:12

    …tu saprai meglio di me che il grande maestro dell’Alleanza Nazionale non è stato certo Fini ma Almirante che l’ha pensata e costruita negli ultimi anni del MSI. Anche se non ne ha firmato l’atto costitutivo.
    E comunque la mia era solo una battuta a cui ho dimenticato di mettere la faccina (maledette faccine) 🙂
    Piuttosto trovo inquietanti le dichiarazioni di Gelli. Questo a prescindere dall’attuale Governo e da ogni dialettica politica. Mi piacerebbe uscire un attimo da questa trappola e cercare di discutere senza il peso dell’arruolamento di Partito che speso uno impone agli altri (io per primo).

  27. domenica 2 novembre 2008 alle 22:36

    Francesco, io non potrei competere con te nel parlare del comunismo, come tu non potrai competere con me nel parlare della destra.
    Almirante è morto nel 1988, quando c’erano ancora il muro di Berlino ed il blocco comunista ad oriente. An è stata costituita nel 1995.
    Il grande inventare è stato (e potrai verificarlo tu stesso facendo tutte le ricerche che vuoi su internet) Pinuccio Tatarella. L’idea del nome è stata data da Fisichella con un articolo scritto su ‘ilTempo’.
    Almirante con questa svolta non c’entra assolutamente niente.
    Dire che è stato l’ideatore è una grandissima coglioneria 🙂

    Per quanto riguarda il commento di Gelli, mi sono espresso. Il PianoP2 poteva essere completamente ralizzato (ma è solo il mio parere) solo con un sistema politico stabile. Ma non è il caso dell’Italia.

  28. domenica 2 novembre 2008 alle 22:53
  29. lunedì 3 novembre 2008 alle 7:57

    …potrai dire che è una coglioneria ma io penso che come senza Berlinguer non sarebbero mai nati i DS, allo stesso modo senza Almirante non sarebbe mai nata Alleanza Nazionale. Sono stati loro a porre le basi, anche propagandistiche, per allargare un consenso ed un’attenzione che poi necessitava anche un cambio d’immagine. Non avrebbero potuto farlo direttamente loro, perchè legati visivamente ad altre simbologie, lo hanno fatto i “delfini”. Occhetto e Fini.
    Mia personalissima coglioneria, ehm opinione, naturalmente! 🙂

  30. lunedì 3 novembre 2008 alle 9:04

    Già questa è un’interpretazione diversa e la potrei anche condividere perchè aver scelto come segretario del m.s.i un giovane come Fini che non aveva vissuto il fascismo in prima persona è stato sicuramente un bene per l’emancipazione dell’intera destra.
    Di fatto, però, Almirante non ha partecipato minimamente alla costruzione di An e infatti Fini è stato sempre accusato dagli irrudicibili di aver tradito proprio Almirante.
    Non mancarono nel congresso di Fiuggi del ’95 i cori “Fini Badoglio”, cosi’ come non mancarono coloro che richiamarono il discorso di Fini fatto in occasione dei funerali di Almirante e Romualdi (morti entrambi a distanza di pochi giorni nel maggio dell’88).

  1. No trackbacks yet.
I commenti sono chiusi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: