Archivio

Posts Tagged ‘Popolo delle Libertà’

Il taumaturgo

domenica 21 marzo 2010 1 commento

Alla manifestazione della maggioranza di governo “contro l’invidia” – la prossima sarà contro l’alitosi? la forfora? – nonostante le voci su militanti spesati e figuranti pagati, c’erano in piazza 150.000 persone. Il dato è quello ufficiale della questura (anche se Gasparri ha dato dell’ubriaco al questore) e viene confermato anche dai calcoli dei blogger di destra.

Tutti si attendevano il consueto petardo elettorale di Berlusconi, che effettivamente stavolta ha superato se stesso:

Chiaramente, subito dopo aver sconfitto il cancro, si occuperà di abbassare le tasse, sconfiggere la delinquenza e contrastare la crisi economica.

Annunci

Buonanotte all’Italia

lunedì 14 aprile 2008 56 commenti

Il bollo auto e gli ultimi fuochi

sabato 12 aprile 2008 6 commenti

Ieri, nell’ultima apparizione televisiva prima del silenzio elettorale, il principale esponente etc. etc. ha lanciato il consueto colpo d’artificio che da 15 anni conclude le sue campagne elettorali: ma stavolta non la promessa di portare l’IRPEF al 30% o il Contratto con gli Italiani, e nemmeno l’abolizione dell’ICI come due anni fa. Contando sul fatto che gli italiani sono un popolo di automobilisti stavolta ha promesso nientepopodimeno che il taglio del bollo auto.

Sì, quella tassa fastidiosa che mediamente costa 13 euro al mese.

Di più: la riduzione sarà “graduale” e per giunta “a partire dal terzo anno” di mandato, “sempre che lo stato dei conti lo permetta“. Insomma, a detta di tutti il fuoco d’artificio stavolta è praticamente un petardo bagnato e non escludo che l’elettorato meno politicizzato che contava sulla promessa al fotofinish per lasciarsi convincere a votare per lui possa sentirsi preso in giro da una concessione così modesta, soprattutto visto che la gestione di un’auto è onerosa soprattutto per la RC auto e i carburanti, su quali sono stati invece i governi di centrosinistra a intervenire, iniziando ad accrescere la trasparenza del settore assicurativo e riducendo per due volte le accise.

Per finire, c’è un aspetto su cui nessuno mi sembra abbia fatto attenzione: dal 1999 il bollo auto è una tassa regionale e non viene quindi pagata allo Stato. Non so se l’anziano leader del centrodestra abbia voluto prendere in giro gli italiani, o se si sia trattata di un’affermazione fatta per ignoranza o smemoratezza. Sono certo però che i propugnatori del federalismo fiscale, che sta nei programmi del Popolo delle Libertà, non faranno mancare la loro protesta di fronte al rischio di un ennesimo scippo di Roma ladrona.

L’ononevole Carlucci e l’antimateria grigia

domenica 9 marzo 2008 10 commenti

L’Italia è un posto bellissimo. Penso sia l’unico Paese i cui politici ed ex soubrettes si occupano di fisica teorica.

Accade che Luciano Maiani, già direttore dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e del CERN di Ginevra, venga nominato presidente del CNR. Incidentalmente, si tratta dello stesso Maiani che qualche mese prima della nomina aveva contestato l’invito a Benedetto XVI per l’inaugurazione dell’università la Sapienza.

Quello che segue non è scienza: è fantascienza. Il deputato di Forza Italia Gabriella Carlucci, già conduttrice di Buona Domenica, contrasta la scelta contestando le doti manageriali e la competenza scientifica dello stesso Maiani, colpevole – secondo lei – di non aver vinto “neanche un premio Nobel”. Benché i documenti citati dalla Carlucci (che non ha mai vinto neanche un Telegatto) si siano presto rivelati dei falsi grossolani, tutto sarebbe rimasto una delle solite, banali, pretestuose polemiche politiche alle quali l’Italia si è ormai assuefatta. Se non che il premio Nobel Sheldon Glashow è intervenuto per lettera a difendere Maiani elogiandone “l’eccezionale statura scientifica” e chiarire alla conduttrice di Rete4 che “è compito degli scienziati elaborare teorie, non perché queste siano vere ma perché potrebbero essere tali. Se si trattengono dalla pubblicazione delle loro speculazioni per paura che esse non possano essere vere, non ci sarebbe progresso nella scienza. Perfino i nostri più grandi eroi, Galileo, Newton ed Einstein, hanno pubblicato speculazioni che si sono poi rivelate abbastanza sbagliate. Posso fornirla di citazioni, se lei desidera controllare le loro competenze scientifiche“.

In un Paese normale, la faccenda si sarebbe chiusa qui, con questa colossale figura di sterco da parte dell’incauta Carlucci. Invece, non appagata, la deputata pugliese replica a Glashow, lo accusa di essere un bugiardo, chiama in ballo altri eminenti fisici che non tardano a smentirla: tra tutti, lo spagnolo Alvaro de Rujula che sintetizza l’opinione che della penosa vicenda si sono fatte le comunità scientifiche di tutto il mondo: Che hanno fatto gli italiani per meritarsi tutto questo? Non credo che si tratti di una punizione biblica, anche se lo sembra”.

Ormai l’autolesionismo di Gabriella è incontenibile: sul suo blog, non paga di centinaia di commenti negativi, persevera nel gioco pericoloso delle repliche. Nonostante le lacune in materia di fisica e gli errori logici, grammaticali e di traduzione dall’inglese (meno ovvi, dato che la Carlucci si dice laureata in lettere e lingue straniere), quello che colpisce di più è che questa penosa performance non metterà certo fine alla carriera politica della “showgirl che sparla di fisica“.

Del resto, il capopopolo della Libertà solo pochi giorni addietro ha esposto la sua illuminante teoria del peone: in Parlamento servono trenta persone preparate. Gli altri devono essere solo operai ubbidienti.

Edit del 10 marzo: Gabriella Carlucci è stata ufficialmente candidata in Puglia dal Popolo della Libertà.