Archivio

Posts Tagged ‘Berlusconi’

Tragedia e farsa

martedì 12 maggio 2009 3 commenti

La storia si ripete sempre due volte: la prima volta come tragedia la seconda come farsa“, scriveva (più o meno) il vecchio Carlo Marx, di cui si ignora la parentela con Groucho. Sbagliato: talvolta tragedia e farsa si palesano contemporaneamente.

E così, nel giorno in cui l’Alto Commissariato ONU per i Rifugiati, con il beneplacito del Segretario Generale Ban-Ki Moon, accusa formalmente il governo italiano di violare la Convenzione ONU del 1951 che vieta la pratica del respingimento dei profughi, vengo a conoscenza della costituzione del Comitato della Libertà che propone la candidatura di Berlusconi al premio Nobel per la Pace, “per il suo indiscusso impegno umanitario in campo nazionale ed internazionale“.

Grazie a Phonkmeister per la seconda notizia. La prima, invece, si trova su tutti i giornali (tranne il Sole-24 Ore diretto dal corrosivo Gianni Riotta, che in homepage parla di Berlusconi solo in relazione alla panchina del Milan).

Sim sala bim: e la TV di intrattenimento diventò propaganda

domenica 19 aprile 2009 10 commenti

Nel giorno in cui si legge che il nuovo organigramma RAI è stato deciso a casa del premier – che è anche proprietario del principale concorrente della televisione pubblica – vi invito a guardare il breve filmato sottostante, tratto da Domenica In del 12 aprile scorso (grazie a quadernino via francescocosta):

E’ bastato che un prestigiatore nel corso del suo giochino facesse il nome del premier in un’innocua battuta (“questa è una bacchetta magica che poi presteremo anche a Berlusconi“) perché la conduttrice, su pressione di qualche capostruttura in studio, interrompesse il numero per precisare che il prestigiatore parlava “a titolo del tutto personale” e che invece c’era da “essere grati alle Istituzioni, che sono molto presenti sul campo e stanno dimostrando tutto il loro impegno concreto“.

Lascio alla penna di Massimo Gramellini e dei suoi acuti lettori il commento all’episodio specifico. Io invece non voglio prendermela con la povera Lorena Bianchetti che, non avendo alcuna dote particolare, non è forse neanche responsabile delle cose che le vengono fatte dire.

Quello che mi chiedo attiene a sfere diverse: se parole innocenti come quelle pronunciate dal mago Silvan in una trasmissione di intrattenimento vengono prese come una critica pericolosa, quasi sovversiva, al Padrone del Vapore, tanto da richiedere un’immediata presa di distanza, quale autonomia dalla politica si respira nella RAI, anche nell’ambito di trasmissioni non giornalistiche? quale capacità hanno queste trasmissioni nell’orientare la sensibilità politica degli ascoltatori? chi si avvantaggia di questo stato di fatti? quale genere di controllo viene esercitato dalle istituzioni di garanzia sulla correttezza e l’equidistanza politica dei messaggi veicolati nel corso dei lunghi pomeriggi televisivi? e perché il problema dell’equilibrio informativo sembra consistere solo nei toni usati da trasmissioni di approfondimento giornalistico, viste da un pubblico probabilmente meglio attrezzato a contrastare i messaggi subliminali?

Forse l’unica risposta possibile è affidata alle parole del saggio Mr. Cutter, la voce narrante del film di Christoper Nolan – sulla magia, guarda caso – The Prestige:

Ora state cercando il segreto ma non lo troverete, perché in realtà non state davvero guardando. Voi non volete saperlo. Voi volete essere ingannati“.

Il bollo auto e gli ultimi fuochi

sabato 12 aprile 2008 6 commenti

Ieri, nell’ultima apparizione televisiva prima del silenzio elettorale, il principale esponente etc. etc. ha lanciato il consueto colpo d’artificio che da 15 anni conclude le sue campagne elettorali: ma stavolta non la promessa di portare l’IRPEF al 30% o il Contratto con gli Italiani, e nemmeno l’abolizione dell’ICI come due anni fa. Contando sul fatto che gli italiani sono un popolo di automobilisti stavolta ha promesso nientepopodimeno che il taglio del bollo auto.

Sì, quella tassa fastidiosa che mediamente costa 13 euro al mese.

Di più: la riduzione sarà “graduale” e per giunta “a partire dal terzo anno” di mandato, “sempre che lo stato dei conti lo permetta“. Insomma, a detta di tutti il fuoco d’artificio stavolta è praticamente un petardo bagnato e non escludo che l’elettorato meno politicizzato che contava sulla promessa al fotofinish per lasciarsi convincere a votare per lui possa sentirsi preso in giro da una concessione così modesta, soprattutto visto che la gestione di un’auto è onerosa soprattutto per la RC auto e i carburanti, su quali sono stati invece i governi di centrosinistra a intervenire, iniziando ad accrescere la trasparenza del settore assicurativo e riducendo per due volte le accise.

Per finire, c’è un aspetto su cui nessuno mi sembra abbia fatto attenzione: dal 1999 il bollo auto è una tassa regionale e non viene quindi pagata allo Stato. Non so se l’anziano leader del centrodestra abbia voluto prendere in giro gli italiani, o se si sia trattata di un’affermazione fatta per ignoranza o smemoratezza. Sono certo però che i propugnatori del federalismo fiscale, che sta nei programmi del Popolo delle Libertà, non faranno mancare la loro protesta di fronte al rischio di un ennesimo scippo di Roma ladrona.